La contestazione del Provvedimento Ivass 97 si estende sempre più. Dopo i rilievi ed i ricorsi al T.A.R. del Lazio dello Sna è giunta l’interrogazione parlamentare dell’on. Galeazzo Bignami. Oggi interviene Luigi Viganotti, Presidente dell’ACB Broker (Associazione di Categoria Brokers) che conferma di aver chiesto da tempo all’Istituto di vigilanza il differimento dell’entrata in vigore delle nuove norme. Richiesta risultata vana.
Confermata invece la chiusura totale da parte dell’Ivass nei confronti degli intermediari assicurativi, peraltro direttamente interessati al provvedimento entrato in vigore lo scorso 31 marzo.
Il messaggio che arriva forte da parte di tutta la categoria è quello di assoluta insoddisfazione. Per Viganotti “molti operatori non sanno come agire e comportarsi”. Sulla medesima lunghezza d’onda il Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi secondo il quale “le norme non sono adeguate al mercato attuale dell’intermediazione assicurativa. Sembrano scritte – ha concluso – in un mondo che non esiste”.